• «Disobbediente»

    «Disobbediente»

    di Marco Vichi «Sei triste?» chiese Giuliana.«Un po’ sì…»«Hai voglia di dirmi come mai?»«Be’, ieri sera in discoteca ho lasciato il mio ragazzo» disse Susanna, dopo un lungo sospiro. Era sdraiata sul divano a occhi chiusi, con il capo appoggiato sulle ginocchia di Giuliana, che le accarezzava dolcemente i capelli. La luce del pomeriggio filtrava […] Leggi tutto…